‘Episodio’ N.1

Quando le persone sentono parlare della corsa al dominio dell’intelligenza artificiale (IA), spesso pensano che la competizione principale sia tra Stati Uniti e Cina. Dopotutto, gli Stati Uniti e la Cina hanno la maggior parte delle aziende di intelligenza artificiale più grandi e meglio finanziate del pianeta e il ritmo dei finanziamenti, della crescita aziendale e dell’adozione non sembra rallentare presto. 

Tuttavia, se guardi da vicino, vedrai che molti altri paesi hanno un interesse nella corsa all’intelligenza artificiale. In effetti, alcuni paesi hanno iniziative, finanziamenti, tecnologie e proprietà intellettuale per l’intelligenza artificiale che li rendono seri contendenti nella lotta per il dominio dell’IA. 

Secondo un recente rapporto della società di analisi Cognilytica, Francia, Israele, Regno Unito e Stati Uniti sono tutti ugualmente forti quando si tratta di AI. Cina, Canada, Germania, Giappone e Corea del Sud sono ugualmente vicini nella loro forza strategica dell’IA.

Gli attuali leader in finanziamento e dominio dell’IA: Stati Uniti e Cina

Cina: un settore in continua crescita

Le startup IA stanno raccogliendo più denaro che mai. Le società focalizzate sull’intelligenza artificiale hanno raccolto $12 miliardi solo nel 2017, raddoppiando il finanziamento di venture capital rispetto all’anno precedente. La maggior parte di questi finanziamenti è concentrata in società statunitensi e cinesi, ma la fonte di tali fondi è molto più internazionale. Softbank, con sede in Giappone, ha accumulato un fondo di investimento di $100 miliardi, con molti investitori internazionali tra cui il fondo di investimento sovrano dell’Arabia Saudita e altre fonti globali di capitale. Mentre le società statunitensi hanno fatto importanti investimenti con la potenza dei fondi VC della Silicon Valley, la Cina ha la più preziosa startup AI, Sensetime, che ha raccolto oltre $1,2 miliardi e un ulteriore aumento di $1 miliardo in arrivo.

Tuttavia, ciò che rende l’IA come settore tecnologico diverso dalle precedenti grandi ondate di investimenti, è che l’IA è vista come tecnologia strategica da molti governi. Nel 2017 la Cina ha pubblicato un programma in tre fasi che delinea il suo obiettivo di diventare un leader mondiale in IA entro il 2030. Il governo punta a rendere l’industria dell’IA un valore di circa $150 miliardi e sta spingendo per un maggiore uso dell’IA in un certo numero di settori, come le città militari e intelligenti. Inoltre, il governo cinese ha fatto grandi scommesse tra cui un parco di ricerca tecnologica incentrato sull’intelligenza artificiale di $2,1 miliardi.

Nel 2019, Beijing AI Principles (‘I Principi sull’Intelligenza Artificiale’) sono stati rilasciati da una coalizione multistakeholder tra cui l’Accademia di Intelligenza Artificiale di Pechino (BAAI), l’Università di Pechino, l’Università di Tsinghua, l’Istituto di Automazione e l’Istituto di Tecnologia Informatica dell’Accademia delle Scienze Cinese e una lega industriale dell’IA che coinvolge aziende come Baidu, Alibaba e Tencent.

Inoltre, l’ecosistema tecnologico cinese si è sviluppato per diventare una centrale elettrica a sé stante. La Cina ha molti giganti della tecnologia da svariati miliardi di dollari tra cui Alibaba, Baidu, Tencent e Huawei Technologies, che stanno investendo pesantemente nell’intelligenza artificiale. Le aziende cinesi lavorano anche più strettamente con il governo e le leggi in Cina sono le più rilassate per quanto riguarda la privacy dei clienti e l’uso delle tecnologie di IA, come il riconoscimento facciale sui loro cittadini. 

Il governo cinese ha già abbracciato l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale e ha rapidamente adottato questa tecnologia nell’uso quotidiano. Nella maggior parte delle altre contee come ad esempio gli Stati Uniti, i problemi di privacy impediscono un uso pervasivo della tecnologia di riconoscimento facciale, ma tali preoccupazioni o impedimenti all’adozione non esistono in Cina.

Stati Uniti: la culla della tecnologia

La storia della creazione e del finanziamento di società tecnologiche negli Stati Uniti è già ben nota. La Silicon Valley è sia una regione che un eufemismo per l’intero settore tecnologico, dimostrando quanto gli USA siano stati dominanti negli ultimi decenni nella creazione e adozione della tecnologia. Il venture capital come industria è stato proprio inventato e perfezionato negli Stati Uniti. Il risultato è stata la creazione di giganti tecnologici come Amazon, Apple, Facebook, Microsoft, Google, IBM e migliaia di altre aziende sia grandi che piccole. Trilioni di miliardi di dollari sono stati investiti in queste aziende da investitori del settore pubblico e privato per creare l’industria tecnologica come la conosciamo oggi. Certamente, nulla di tutto ciò sparirà presto.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno un pool di lavoro estremamente ben sviluppato e altamente qualificato con centrali accademiche e istituti di ricerca che continuano a spingere i confini di ciò che è capace con l’IA. Ciò che è notevole è che anche negli Stati Uniti, il predominio della Silicon Valley come regione geografica specifica sta iniziando a scivolare. La regione di New York City ha prodotto molte grandi aziende tecnologiche focalizzate sull’intelligenza artificiale e la ricerca nell’area di Boston si è concentrata attorno a MIT e Harvard; l’area metropolitana di Washington, DC con le sue legioni di appaltatori e negozi di sviluppo incentrati sul governo. L’ecosistema tecnologico emergente della California meridionale, e molte altre località negli Stati Uniti stanno allentando la presa che la California settentrionale ha sull’industria tecnologica rispetto all’IA. 

Nel 2018 gli Stati Uniti hanno emesso un ordine esecutivo da parte del Presidente che nomina l’IA la seconda priorità di ricerca e sviluppo più alta dopo la sicurezza del popolo americano per l’anno fiscale 2020. Inoltre, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato che investirà fino a $2 miliardi nei prossimi cinque anni per il progresso dell’IA. Fino al 2020, gli Stati Uniti hanno lanciato l’American AI Initiative con la strategia volta a focalizzare le risorse del governo federale. Il governo federale degli Stati Uniti ha inoltre lanciato AI.gov per facilitare l’accesso a tutte le iniziative di IA governative attualmente in corso. Una volta visto potenzialmente poco brillante rispetto a quello della Cina e di altri paesi, il governo degli Stati Uniti ha davvero iniziato a fare dell’IA una priorità per tenere il passo negli ultimi anni.

To Be Continued …

Curioso di sapere quali sono gli altri paesi coinvolti nella corsa all’Intelligenza Artificiale? Rimani connesso. Venerdì prossimo continueremo il nostro viaggio!

Nel frattempo, se ti è piaciuto l’articolo condividilo con i tuoi amici!